Accoglienza e Gestione Castagneto Comunale 2017
gestione flusso turistico e accoglienza per il castagneto comunale e trasporto con navette
Centro estivo 2017
La Protezione Civile Calvello in collaborazione con il Comune di Calvello gestisce il centro estivo 2017
Nevicata2017
Gestione emergenza neve 2017
Autunno a Calvello 2016
Attivato il servizio accoglienza al castagneto e trasporto con navette
Madonna del monte saraceno 2016
7-8-9 settembre 2016
Autunno a Calvello 2015
gestione castagneto comunale in collaborazione con La Carezza e 22 Eventi
Viaggio della nostra Madonna del Monte Saraceno a Modena e Zurigo 9-18 ottobre 2015
La PROTEZIONE CIVILE DI CALVELLO collabora nella gestione dell'iniziativa
Monitoraggio incendi boschivi
La protezione civile Calvello in prima linea negli interventi 2015
Madonna del monte Saraceno 2015
gestione ordine pubblico durante la processione e le celebrazioni
Emergenza pioggia 2015
emergenza per rischio alluvione 30-01-2015
Sala di monitoraggio
Sala operativa: monitoraggio web cam e stazione meteo

PER VEDERE LE WEBCAM AGGIORNATE CLICCARE [F5]
(clicca sulle immagini per ingrandire)

 

     

2-Stato di Emergenza

CODICE OPERATIVO: 2 codice giallo

STATO DI ATTENZIONE

Stato di allerta - Codice operativo clicca qui

News PC Calvello

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

DEL COMUNE DI CALVELLO

 

Il Piano Comunale di Protezione Civile nasce da un'esigenza di agilità e rapidità di movimento in caso di emergenza o evento calamitoso. Ad ogni livello amministrativo è necessario una Pianificazione precisa, di conseguenza anche a livello comunale. Ecco due brevi estratti dalle linee guida per la scritttura del Piano messo a disposizione dal coordinamento nazionale:

"Un piano di emergenza non è altro che il progetto di tutte le attività coordinate e di tutte le procedure che dovranno essere adottate per fronteggiare un evento calamitoso atteso in un determinato territorio, in modo da garantire l'effettivo ed immediato impiego delle risorse necessarie al superamento dell'emergenza ed il ritorno alle normali condizioni di vita. [...]. Il Sindaco disporrà quindi di un valido riferimento che determinerà un percorso organizzato in grado di sopperire alla confusione conseguente ad ogni evento calamitoso. Il Piano deve rispondere alle domande:

    • Quale eventi calamitosi possono ragionevolmente interessare il territorio comunale?
    • Quali persone, strutture e servizi ne saranno coinvolti o danneggiati?
    • Quale organizzazione operativa è necessaria per ridurre al minimo gli effetti dell'evento con particolare attenzione alla salvaguardia della vita umana?
    • Per la gestione delle emergenze?

 

"Il Piano è dunque uno strumento di lavoro di conoscenza scientifica dello stato di rischio del territorio, aggiornabile e integrabile non solo in riferimento all'elenco di uomini e mezzi, ma soprattutto quando si acquisiscano nuove conoscenze sulle condizioni di rischio che comportino diverse valutazioni degli scenari, o ancora quando si disponga di nuovi o ulteriori sistemi di monitoraggio e allerta alla popolazione..."

ATTIVITA' ANNO 2014

- Opuscolo P.C. in famiglia

- Aree di emergenza


Protezione Civile del Comune di Calvello

fonte del testo COMUNE DI NONE

per accedere inserisci la password:

Accedi o registrati