Autunno a Calvello 2018
gestione e accoglienza castagneto comunale dal 6 ottobre al 4 novembre 2018
Centro estivo 2017
La Protezione Civile Calvello in collaborazione con il Comune di Calvello gestisce il centro estivo 2017
Accoglienza e Gestione Castagneto Comunale 2017
gestione flusso turistico e accoglienza per il castagneto comunale e trasporto con navette
Nevicata2017
Gestione emergenza neve 2017
Madonna del monte saraceno 2016
7-8-9 settembre 2016
Madonna del monte Saraceno 2015
gestione ordine pubblico durante la processione e le celebrazioni
Autunno a Calvello 2015
gestione castagneto comunale in collaborazione con La Carezza e 22 Eventi
Viaggio della nostra Madonna del Monte Saraceno a Modena e Zurigo 9-18 ottobre 2015
La PROTEZIONE CIVILE DI CALVELLO collabora nella gestione dell'iniziativa
Monitoraggio incendi boschivi
La protezione civile Calvello in prima linea negli interventi 2015
Emergenza pioggia 2015
emergenza per rischio alluvione 30-01-2015
Sala di monitoraggio
Sala operativa: monitoraggio web cam e stazione meteo

PER VEDERE LE WEBCAM AGGIORNATE CLICCARE [F5]
(clicca sulle immagini per ingrandire)

 

     

2-Stato di Emergenza

CODICE OPERATIVO: 2 codice giallo

STATO DI ATTENZIONE

Stato di allerta - Codice operativo clicca qui

News PC Calvello

Il rischio è il risultato dell’impatto tra un fenomeno e l’ambiente in cui si verifica. 
Il rischio (R) è dato dal rapporto tra la pericolosità e il danno.

La pericolosità (P) è la probabilità che un evento di data intensità si verifichi in un dato intervallo di tempo.

Il danno (D) è la gravità ed entità dei danni che tale evento può determinare ed è dato a sua volta
dal rapporto tra gli elementi esposti a rischio (E) e la loro vulnerabilità (V).

Gli elementi a rischio sono la popolazione, gli edifici, le infrastrutture, le attività economiche e i servizi
pubblici che si trovano nell’area esposta ad un fenomeno.

La vulnerabilità è il grado di danneggiamento di un dato elemento a rischio. Il rischio sarà dato quindi
dal prodotto R= P x D (E x V).

I rischi vengono generalmente suddivisi in base alla loro origine:
Rischi di origine naturale. Derivano dall’azione evolutiva dell’ambiente. La conoscenza dell’ambiente fisico in cui si vive è il primo passo per una corretta identificazione di problemi derivanti dall’azione degli agenti geologici e permette di predisporre adeguati strumenti di prevenzione. Sono classificati come “naturali” il rischio sismico, vulcanico, incendio-boschivo, idrogeologico, meteorologico.
Rischi di origine antropica. Sono generati dallo sviluppo delle attività umane e sono rischi intrinseci all’ambiente sociale, lavorativo e produttivo. Derivano dall'abuso di strumenti tecnologici ed industriali, sono soggetti a mutamenti ed evoluzioni nel corso del tempo. I rischi antropici sono classificati in chimico-industriale, nucleare e trasporti.

 

per accedere inserisci la password:

Accedi o registrati